top of page

Ciclo operativo della materia prima

Costruzione e assemblaggio di una batteria agli ioni di litio

gli odierni packs di batterie per autoveicoli elettrici consistono di singole celle che a loro volta sono riunite in moduli. Questi sono collocati in un involucro stabile completato con un sistema pre-crash (anticollisione). 

 

Un sistema di gestione della batteria (BMS) sorveglia le celle e i moduli, misura la tensione, la pressione e la temperatura. Le batterie sono equipaggiate con un sistema di riscaldamento e raffreddamento per mantenere la temperatura ottimale d’esercizio di 25°C. Vi sono celle cilindriche, prismatiche e a sacchetto (pouch cell) in diverse grandezze e chimica cellulare. La cella più diffusa è la cella NMC. NMC sta per nichel, manganese e cobalto. Un altrettanto importante elemento costitutivo è il litio. Rilascia gli ioni (=particelle cariche elettricamente), che sono responsabili del flusso di corrente.

Nella momentanea fase di avviamento della mobilità elettrica, i metalli citati provengono dalla cosiddetta produzione primaria. Si calcola che a partire dal 2040 circa, l’intero fabbisogno per la produzione potrà essere coperto dal riciclaggio. Gli attuali impianti di riciclaggio convertono principalmente batterie provenienti da autoveicoli incidentati, da casi di garanzia e soprattutto da scarti di produzione. 

Per evitare un impatto ambientale nonché rischi sociali e geopolitici, è indispensabile un riciclaggio particolarmente efficiente. 

 

Nelle sue direttive sulle batterie, l’UE prevede quote di riciclaggio fino al 95%. Intende inoltre prescrivere una quota minima di materiale riciclato nelle nuove batterie. In Europa sono già in funzione alcuni impianti di riciclaggio specializzati nel trattamento delle batterie agli ioni di litio. 

 

In Svizzera è la ditta Batrec Industrie AG, Wimmis BE, che opera in questo settore.

La Kyburz Switzerland AG, nota per i veicoli a trazione ecologica per il recapito della posta, ha finora riciclato e ricicla le proprie batterie.

La Librec AG è una start-up che sta pianificando la realizzazione di un impianto di riciclaggio a Biberist SO che dovrebbe entrare in funzione nell'autunno del 2024.

Sestorec-Kreislauf_komplett_IT.png
bottom of page